Commenti rilasciati da Phobos
Iscritto dal 04-11-2018
Gioco PreferitoBionic Commando
Commenti 35
Voti 184
Star League Baseball
21-08-2021 ore 17:17
Se conosco cos'è il baseball lo debbo a questo gioco, visto che qui in Italia non è molto praticato; a parte qualche manga anni 80 o film di Hollywood. A parte questo, il gioco a 8bit vale tantissimo. Divertente, semplice, appagante, longevo... insomma da giocare. Per chi non sa le regole (per giocarci qui...): due squadre, la prima schiera i suoi giocatori nel diamante di gioco e mette uno a lanciare la palla. L'altra squadra entra un giocatore alla volta, con una mazza devi colpire la palla e sperare che nessuno la prendi al volo (eliminato!). Appena la colpisci devi scappare in prima base. Gli avversari debbono recuperare la palla e toccarti prima che ti "salvi" arrivando in base (la possono lanciare tra di loro). Entra il secondo battitore, stessa situazione, ma non fai un punto finchè non passi tutte le tre basi a giro. Il TOP: hai 3 giocatori nelle varie basi e colpendo la palla la mandi fuori campo (non deve superare le linee bianche), hai fatto il complaccio! l'avversario non può più ostacolarti e tu fai 4 punti in una volta. Quando batti hai due possibilità. Se provi a colpirla e la manchi è uno strike, se non provi a colpirla ma la palla è nello spazio centrale dove smista il battitore è sempre strike ma viene dichiarata 'ball' se la palla è troppo esterna dal centro. 4 ball e vinci la base, 3 strike e sei fuori. Se la palla è colpita ma va lateralmente oltre le linee bianche è 'foul' e vale come strike per le prime due volte. Eliminati tre giocatori e ti inverti con l'avversario. Non ti eliminano mai e fai sempre punti? Non c'è limite di tempo o di punteggio...
Out Run Europa
25-01-2021 ore 11:30
Out Run Europa è uno dei migliori giochi automobilistici su tutti i campi: grafico, sonoro e livelli diversificati in base al mezzo, auto, moto o nautico. Purtroppo soffre di notorietà, il primo Out Run è una pietra miliare che nel tempo ha offuscato tutti i successori anche se migliori, e soffre per l'uscita ormai tarda nella vita del C64. Resta però un lavoro notevole, un arcade game che abbandona il solo racing per un approccio di sfida, lotta, contro altre auto o contro le forze della polizia.
Adidas Championship Football
10-01-2021 ore 14:11
Classico esempio del gergo 'tutto fumo e niente arrosto'. Tante belle schermate, musiche molto orecchiabili, tanti caricamenti e alla fine... giocabilità senza senso. Sarebbe bastato almeno che il calciatore tenesse la palla come nella quasi totalità dei giochi calcistici, ma invece gli da calcetti mandandola sempre avanti, occorre padroneggiare parecchio per fare qualcosa. A questo si associa una scarsa collisione degli sprite, una schermata del campo ridotta e un portiere ingestibile.
Save New York
26-12-2020 ore 18:45
Divertente gioco a due fasi, più una probabile terza da eroe... cattivo! Dei mostri alieni arrivano e se lasciati indisturbati si mangiano i grattaceli. Se scavano troppo un piano, crolla quello che ci sta sopra. Come se non bastasse lasciano delle uova che schiudendosi sul terreno si mangiano le fondamenta dei palazzi con conseguente crollo spettacolare di tutta la struttura. La prima fase è la distruzione dei mostri a mezzo di un aereo che decolla o atterra dal lato estremo della mappa. Si può giocare in due contemporaneamente. La seconda fase consiste nell'inseguire le larve che si schiudono e che girovagano nei tunnel della metropolitana. In questo caso si è un omino armato e occorre stare attenti ai treni che passano nei due binari. E' strutturato a livelli e per ogni conclusione di quadro ogni finestra intera fa guadagnare punti. Ultima problematica gli aerei consumano carburante, anche se siete appiedati, e vanno presi al volo dei rifornimenti lanciati da un terzo velivolo. La fase "cattiva" invece è la possibilità di giocare o contro il secondo giocatore in una sorta di duello o quello di demolire tutto in quanto il vostro sparo fa lo stesso danno dei mostri. Quindi se siete precisi con qualche colpo ben assestato potete voi stessi demolire la città.
Turrican 3
09-12-2020 ore 09:55
Partendo dal presupposto che si tratta di un fan game, non commerciale, il gioco è un bel tributo alla saga di Turrican, un lavoro di cuore con in mente il lavoro di Manfred Trenz per emulare il suo capolavoro. Purtroppo il bersaglio non è stato centrato appieno in quanto pecca di voler troppo scimmiottare le versioni Amiga. Essenzialmente è diviso in quattro parti. La prima prende elementi da Turrican 2, la seconda è uno shoot'em up orizzontale che secondo me è la parte migliore del lavoro. La terza parte, la peggiore, riprende l'idea del mondo 3 di Mega Turrican, quello della discarica, offrendo un mondo piatto abbastanza monocromatico. Infine la parte finale, la salita con le piattaforme altro luogo visto in Turrican 2, con dei boss finali abbastanza originali. Se aggiungiamo i numerosi bug si ha una sensazione di approssimazione generale alla realizzazione, forse poco testing o l’esigenza di completare/abbandonare un progetto troppo impegnativo, che non permette al titolo di superare la sufficienza.
Grandmaster
06-12-2020 ore 10:03
Semplice, gradevole, impegnativo e appassionante gioco di scacchi, il primo in assoluto per C64 ma non per questo superato. Ricordo che nei primi anni del C64 veniva spesso menzionato come esempio delle capacità computazionale della macchina. Un valido antagonista che mi ha aiutato parecchio a migliorare le mie capacità di gioco. La vista dall'alto permette una migliore comprensione del campo di battaglia. La scelta della mossa, ovvero scrivere la posizione di partenza e di arrivo del pezzo, insegna la terminologia internazionale usata nei manuali. Possibilità di annullare la mossa, forzare quella del computer... insomma un classico che non è invecchiato male con il tempo.
Zamzara
25-11-2020 ore 00:00
Che sia un gioco, ai tempi, budget o "economico" non deve trarre in inganno. E' un piccolo capolavoro! Ha un stile grafico veramente molto bello, la pulizia dei disegni, la generosa dimensione dei vari mostri e poi fluidissimo, generoso anche di sprite... magnifico. Nemmeno frustrante, anzi difficoltà molto ben calibrata, vi sono varie armi e un pizzico di strategia aiuta ad andare avanti. Particolare che è possibile tornare indietro nei quadri, vi sono dei collezionabili e, unico neo, poche deviazioni; manca d'esplorazione. Musiche non in game, non si sentirebbero per quanto si debba sparare, ma quelle presenti decisamente superbe.
Mr. Angry
21-11-2020 ore 21:50
Simpatico gioco della Code Masters in cui ci proponiamo d'essere un paparazzo che deve fotografare una diva di grande bellezza celata in una stanza d'hotel. Per compiere il nostro lavoro dobbiamo aprire le porte delle altre stanze ed armare una macchina fotografica anni 80... rullino, lampada del flash, lo chassie e la chiave per aprire la stanza della donna. Ad ostacolarci al primo livello saranno il fattorino e un omino in pigiama che apparirà appena avremo l'ardire di aprire la sua stanza. Aumentando la difficoltà si aggregheranno alla nostra caccia un barista, il direttore dell'hotel, il cuoco e un cameriere. In termini di tecnica il gioco è semplice da imparare, graficamente nulla di particolare. Da menzionare, per la giocabilità, che gli sprite nemici possono essere evitati saltando. Il gioco è uscito un anno prima con il nome di Stringer della Addictive Games. Rispetto a quella versione, a parte il nome e le scritte della prima schermata, manca la musichetta eccessivamente ripetitiva.
Yie Ar Kung Fu
11-11-2020 ore 17:53
Yie ar Kung Fu non è un bel gioco. La lotta fra i due contendenti è limitata da una pessima routine di gestione delle collisioni. Ogni partita è quindi una sfida al caso, dove conta più la fortuna che la bravura del giocatore. Infima poi l'impossibilità di passare facilmente l'avversario "Pole" che spesso blocca totalmente i movimenti dello sprite principale, ponendo fine immediatamente all'incontro. Graficamente mediocre, con sprite poco curati anche se abbastanza fluidi. Musiche sopra la media.
Cosmic Convoy
30-10-2020 ore 00:56
Cosmic Convoy, insieme a Moon Crisis 1999, è un titolo che sfrutta l'immagine delle astronavi della base lunale Alpha, le Aquila, del famoso telefilm Spazio 1999. Che dire del gioco? Non è scadente; graficamente è un titolo del 1983, non si può certo pretendere... la luna! Il gameplay è semplice ed immediato, pochi secondi è già si capisce cosa fare; una partita può durare vari minuti senza note di frustrazione. Dopo qualche ora... sarete passati a qualche altro titolo! Il problema è, appunto, la longevità. Paradossalmente diventa più gestibile con una sola astronave che le tre iniziali in quanto è meno probabile la collisione degli sprite. Il riquadro dove indica la posizione del radar è ingannevole in quanto i nemici appaiono nell'aria di attacco solo quando sono al centro dello stesso, non come si presume appena raggiungono l'interno. Compreso questo conviene fermarsi, falli passare e sparargli da dietro. Inutile dire che è davvero impossibile salvare tutto il convoglio... Passato un pianeta si riparte con quelle astronavi sopravvissute al primo scontro e così via.
Planet Balls
29-08-2020 ore 22:38
Gioco appena uscito nel mondo Commodore ma di cui ho una grande conoscenza in quanto ho avuto l'onore di testarlo in anteprima per aiutare l'autore a limare qualche piccola imperfezione di un qualcosa che già la prima volta mi era piaciuta parecchio. Trattasi di un puzzle game che come paragone, alla lontana, è più vicino a Hyber Blob del 1987. Qui tempo e punteggi non contano, occorre essere bravi a trovare un percorso sicuro per le "pallette" i simpatici smile che dobbiamo salvare. Possiamo prendere e togliere i massi dalla strada e questo sia per evitare la caduta fuori schermo dei nostri prigionieri che per evitare le trappole poste dal cattivo di turno; il perfido DARK CUBE. Se perdiamo più della metà delle pallette apparirà lui ridendo. Niente panico, si ricomincia dal livello senza patemi. Non ci sono nemmeno vite da consumare che potrebbero ricacciarci al primo livello. Provatelo, diverte. Sono 22 livelli con un livello di difficoltà crescente ed impegnativo.
Fix It Felix Jr
02-05-2020 ore 22:14
Fantastico! Da medaglia d'oro! Il gruppo, di cui Savona è il code, è riuscito a trasporre in maniera egregia il gioco a gettoni fautore del film d'animazione Ralph Spaccatutto. Veramente eccelsi! Ci sono tutti gli elementi visti nella pellicola! Dalla intro dello spostamento del ceppo, casa di Ralph, per costruire il palazzo alla conclusione sul tetto, con la proclamazione di Felix e la caduta ingloriosa nel fango del "cattivo". Nel mezzo un gioco semplice, niente affatto mangiagettoni, che magari alla lunga non appassiona per lungimiranza ma è lo stesso gameplay originale e quindi va bene così.
Saucer Attack!
20-04-2020 ore 23:28
Dopo decenni in cui credevo che questo gioco non avesse fine e, bene o male, si arrivasse alla distruzione della città; trovo una versione originale con le istruzioni! Bastava attaccare solo l'astronave che si muoveva sempre perchè l'unica che ti da abbastanza punti e soverchiare il nemico di 150 punti... e si arriva all'astronave madre nello spazio! Battuta la quale, facilmente, a Washington scoppiano i fuochi d'artificio!!!
Warhawk
17-03-2020 ore 22:58
Uno shoot'em up a scorrimento verticale decisamente... tipico e stereotipato! Non eccelle in nulla. Grafica pulita ma sempre la medesima nei vari livelli; cambiano i colori e le combinazioni dei vari quadratoni ma è sempre banalmente la stessa. Musica interessante del solito grande Rob Hubbard. Giocabilità questa volta abbastanza livellata, anche se non amanti del genere si può arrivare facilmente alla fine dei primi livelli. Particolari i proiettili degli avversari che sembrano più sacchetti di spazzatura galleggianti! In fin dei conti per essere bravi negli sparatutto occorre pulire lo schermo!
Bone Cruncher
07-03-2020 ore 22:29
Divertentissimo gioco che andrebbe più di altri nominato tra i migliori giochi per il C64, per me non sfigurerebbe tra i top 20 titoli del nostro computer preferito. Trattasi di una versione più strategica rispetto a BoulderDash, lento e ragionato con elementi bizzarri e divertenti. Occorre creare una saponetta collezionando 5 scheletri, trovare il calderone per farlo e andare a lavarsi in una specifica posizione della mappa. Fatto questo cambia la gravità e delle creature immobili viola, uguali ai massi di BoulderDash, precipitano verso la direzione indicata da una freccia. Inizialmente il primo livello è molto semplice. Le cose si complicano quando scarseggiano gli scheletri. Occorre allora immobilizzare dei goblin verdi o un ulteriore creatura rossa (questa non cattiva) per trasformali in ossa! Per quest'ultima occorre immobilizzarla per 99 secondi per farla schiattare. Insomma porta via delle ore in maniera assai piacevole.
Rock n' Bolt
17-02-2020 ore 23:20
Gioco dalla grande giocabilità, graficamente mediocre ma tanto divertente. Trattasi di un puzzle game abbastanza immediato. Occorre camminare sopra delle travi in movimento e "fissarle" premendo sui bulloni. Alcuni schemi sono liberi, altri occorre seguire la figura in basso a destra. A fine lavoro occorre tornare alla piattaforma iniziale; cosa che, proseguendo nei livelli, diventerà ardua anche per colpa del tempo.
Pains'n'Aches
08-02-2020 ore 22:54
Trattasi del seguito di Knight 'n' Grail con le stesse meccaniche di gioco del precursore; che alla fine sono le classiche dei giochi alla metroidvania. Quindi esplorazione come primo obliettivo per recuperare gli artefatti che permettono di superare ostacoli incontrati magari in locazioni della mappa viste in precedenza e superarle. Il tutto molto godibile e livellato a questa generazione di giocatori più inclini a vivere la storia che a subirla... fosse uscito 30 anni fa avrebbero messo una sola vita e niente check point. In effetti rispetto ai giochi della stessa categoria, ma su console moderne, manca la parte rpg di crescita del personaggio e magari il livello di difficoltà settabile. Gli spazi per migliorare ci sono tutti.
Boulder Dash II: Rockford's Revenge
16-12-2019 ore 19:49
Boulder Dash è un pilastro portante dell'intera softeca Commodore, uno dei titoli che tutti hanno avuto o giocato nella metà degl'anni 80. Un concept semplice, immediato, travolgente. Nel suo complesso uno strategico arcade molto movimentato, che cattura il giocatore non solo per finire un livello ma anche per poter superare "il limite" e raccogliere ancora più diamanti da uno stage e potersene vantare con gli amici! Rispetto al primo, di cui condivide praticamente tutto, si riscontrano livelli più articolati, meglio strutturati e divertenti. In pratica si sono smussati gli angoli e si è resa l'esperienza ludica ancora più godibile.
Star Ranger
06-12-2019 ore 17:57
Bellissimo shoot'em up dei primi anni commodore. Nonostante la grafica spartana è ben strutturato con ottimi spunti e con un grado di difficoltà crescente ma non punitivo. Ogni "ondata" è composta da nemici specifici che vanno affrontati ognuno con stategia ed ingegno. Simpatica la possibilità di distruggere uno sprite anche con i razzi del motore. L'alieno che ci annuncia il nome del prossimo avversario ... può essere cacciato sparandogli!
Super Mario Bros 64
23-04-2019 ore 19:37
Da oggi possiamo senz'altro affermare con certezza che qualsiasi gioco 8 bit uscito AL MONDO anche su altre console/computer poteva essere convertito per Commodore 64 ... all'autore ... 92 minuti di applausi!
Zoids
10-02-2019 ore 16:50
Zoids lo si ama per la musica e l'atmosfera in generale che 'trasuda' dallo schermo, ma lo si odia per la giocabilità; difficile e frustrante per causa di un sistema di puntamento dell'arma principale assurdo e punitivo. Inoltre, il manuale originale non aiuta a comprendere bene tutte le funzioni e lascia lacune inaccettabili al gameplay e alla fruizione dello stesso. Un esempio è la funzione di jamming o occultamento radar. Si punta verso un antenna e la si esegue perdendoci un po' di tempo (memorizzabile nella successiva partita) e poi? Appena ci si muove si annulla. Se si attacca gli avversari in zona o la stessa antenna con l'arma principale non si ha un particolare effetto positivo. Quindi a che pro? Ho cercato nella rete delle indicazioni ed anche oggi su Youtube, dove si vedono tanti longplay di giochi c64, nessuno ha registrato la fine di Zoids.
Maziacs
07-12-2018 ore 23:42
Bel gioco, buon passatempo. Occorre recuperare un tesoro ma il labirinto è infestato da mostri e bisogna agire bene o si fa una bruttissima fine. Meglio camminare armati e chiedere sempre la strada ai prigionieri nelle celle; la barra gialla identifica la distanza dal tesoro. Il cibo va dosato, mai abbuffarsi prendendo tutto e subito, considerando la strada di ritorno e la relativa barra, la rossa, influenza la percentuale di successo nell'uccisione dei mostri. Si può perdere anche con la spada in mano se la barra energia è bassa. Altresì si può vincere anche a mani nude, ma è a fortuna.
Last Ninja Remix
25-11-2018 ore 17:33
Last Ninja Remix è uno dei titoli che doveva far risplendere la CONSOLE 8bit C64, ovvero il Commodore 64 Game System. Mamma Commodore, per il lancio del C64GS, acquistò la licenza di Flimbo's Quest dalla System 3 per regalare il gioco insieme alla console. E' indubbio che nello stesso tempo chiese che almeno qualche titolo venisse sviluppato per la medesima piattaforma. Convertire Last Ninja 2 è stata sicuramente la mossa migliore per non spendere capitali in un qualcosa che infatti, dopo neanche sei mesi, divenne una delle stupidaggini peggiori della Commodore a livello economico. Naturalmente il formato cartuccia ha i suoi grandi vantaggi rispetto al disco o alla cassetta. Niente caricamenti o attese. Maggiore memoria per inserire schermate e musiche migliori ed eliminazione di bug e migliorie a livello di codice sorgente. C'è da dire che in due anni dall'uscita di Last Ninja 2 (1988 vs 1990 di Remix) la migliore gestione dei caricamenti compressi portò le stesse cose anche negli altri formati rendendo la cartuccia non così necessaria. Resta comunque la migliore versione esistente di LN2.
Lazy Jones
25-11-2018 ore 15:18
Lazy Jones è un caposaldo dell'esperienza Commodore dei primi anni. Qui non si tratta di grafica o di tecnica visiva, ma di giocabilità allo stato puro. Tutti i minigiochi sono veloci, godibili e alquanto esilaranti. Certo, sono quasi tutti cloni di famosi coin-op ma come tali mantengono il concetto da sala del "un gettone e via" che viene eccellentemente adattata al gameplay. Una rigiocabilità indiscussa, qui non intesa solo ad anni dalla pubblicazione, che spinge il giocatore a ripetere la partita per vedere ora dove sta il giochino preferito e superare il proprio record personale. Le musiche dinamiche che mutano in base alla situazione che non stanca mai. Insomma una gran titolo che in fin dei conti prende in giro i capisaldi videoludici del periodo con astuzia e perizia.
World Class Leader Board
16-11-2018 ore 18:12
Il gioco di golf definitivo per C64! Aggiunge al capostipite Leaderboard una più amplia visuale che, grazie agli alberi, elimina la sensazione di piattezza del precedente. Il gameplay poi è magnifico: dalle varietà delle mazze all'arte di gestione del "colpo" si creano tante sfumature diverse per ogni buca di gioco che la partita, anche se ripetuta cento volte, è sempre diversa. Ha fatto davvero una buona pubblicità a questo sport così poco conosciuto in Italia.
Booga-Boo the Flea
09-11-2018 ore 17:47
Questo gioco è un perfetto allenamento alla pazienza. L'ho finito una volta sola dopo migliaia di tentativi! A livello pratico trattasi di un gioco di memoria. Bisogna far arrivare la cavalletta nella giusta piattaforma e seguire uno schema prestabilito. Naturalmente un fallimento dopo l'altro!
Blood Money
07-11-2018 ore 22:35
Blood Money è, per i tempi, un atipico shoot'em up in cui la strategia e il ragionamento sono le chiavi per arrivare fino alla fine e vincere. In pratica non bisogna andare avanti sparando a tutto, ma va aspettato il nemico e folgorato quando è possibile rubargli la moneta (soldi utili per comprare upgrade) nel punto dello schermo più sgombro possibile. Infatti la prima fonte di perdita delle vite è il contatto con la parete o un bordo. Inoltre più che lo sparo, la miglior riuscita si acquisice con le mine che con la loro esplosione esagerata puliscono tutto quello che sta per toccare l'astronave. Infine i primi tre livelli servono a comprare vita extra in quanto il quarto, vero ostacolo di estrema difficolta si completa solo con un ampio bottino di extralife. Per il resto i due pezzi musicali sono favolosi e azzeccati all'ambientazione. Da considerare anche che è possibile giocarci in due contemporaneamente.
Batty
06-11-2018 ore 22:07
Per me il miglior gioco di breakout per C64, superiore anche agli Arkanoid. Frenetico, fluido, graficamente superiore e giocabile in due. Quando passava un parente o un amico si giocava a Batty! non esisteva altro.
Turrican II: The Final Fight
06-11-2018 ore 21:17
Considero Turrican 1 migliore rispetto a questo ... capolavoro! Diciamo che siamo parlando di eccellenze. Comunque non perdonai ai tempi il raggio a 360° molto brutto e la barra informativa davvero spartana. Per i resto è grandioso.
Friday The 13th: The Computer Game
06-11-2018 ore 21:09
Gioco semplice, divertente e pieno di pixel rossi! In pratica si cerca l'accetta (l'arma più efficace) e si colpiva a caso finchè spuntava l'uomo nero! Se perdevi tempo era la carneficina. Bellissime le musiche: adoro Sleepers wake di Bach!
Nobby the Aardvark
04-11-2018 ore 15:28
Gioco difficile ma non impossibile. Trovo il primo livello più "seccante" in quanto bisogna stare attenti a non sbagliare il salto o si ricade molto indietro di posizione. In fin dei conti è l'errore più grave per un gioco, mal calibrare la difficoltà dei primi livelli. Come in un film se non "catturi" lo spettatore all'inizio come pretendi che arrivi alla fine. Anche perchè andando avanti ci sono gameplay diversi e più divertenti. Thalamus è ormai padrona del pixel negl'anni di fine vita del C64 e per tale motivo considero il gioco un capolavoro mancato: fosse uscito 3 anni prima sarebbe stato meglio al centro dei riflettori.
Space Action
04-11-2018 ore 14:39
Sparatutto degli esordi del c64. Frenetico e divertente, ma non longevo. I livelli corrono in rapida successione anche se, dopo un po', si ripetono; aumenta solo la velocità e la "confusione su schermo". Divertente l'esplosione dell'astronave, fa veramente un botto assurdo e precipita. Da menzionare un minimo di tatticismo nel gameplay, non sparando l'astronave si circonda di uno scudo protettivo che protegge da una collisione e ritorna dopo 3 secondi se colpiti: conviene andare avanti con il fuoco sempre premuto o evitando i nemici?
Total Recall
04-11-2018 ore 14:15
Tie-in abbastanza buono per l'epoca. Si divide essenzialemente in due giochi. Il primo e il quarto (ultimo livello) sono dei platform abbastanza ostici e si va avanti imparando a memoria gli ostacoli. I livelli centrali trattasi di una giro con una vettura con inquadtratura dall'alto alla ricerca di update per arrivare alla meta. E' un esempio classico dei tie-in Ocean, multievento con diverse tipologie di gioco in un solo titolo, vedi ad esempio Batman the Movie o Terminator 2. Da menzionare, per bellezza, le immagini fisse prese dal film: evocative.
Bionic Commando (Versione Europea)
04-11-2018 ore 13:04
Un gioco splendido, giocabilissimo, frenetico e con musiche... capolavori! Ha qualche imprecisione negli sprite e i boss di fine livello sono molto facili; ma non intaccano la giocabilità e la voglia di rigiocarci ancora, anche dopo 30 anni !
Turrican
04-11-2018 ore 12:51
Gioco eccelso, un lavoro di un uomo, Manfred Trenz, divino. Ha indubbiamente preso a piene mani da altri titoli, anche da altri lavori non ludici ma è riuscito a creare un'opera d'arte. Tutti i comparti tecnici sono perfetti, forse unica nota, se proprio la si deve cercare, che manca un sound musicale su quasi tutti i livelli. Giocateci!
Commodore 64
Pannello Utente
23 Visitatori, 0 Utenti

Ciao, ospite!
(Login | Registrati)
Ready64 Store
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
MegaGame 64
"Segnalo che è stato appena pubblicato su Quattro Bit l'articolo-intervista "Marco Pesce: dalla Casa al Megagame", con una bella intervista all'autore, che purtroppo conferma l'irreperibilità di questo ..."
leggi »
- orion70
Ult. Commento Art.
Intervista a Leopoldo Ghielmetti
"Finalmente ho l'onore di vedere in faccia colui che reputo una delle più grandi menti informatiche del ventesimo secolo (non sto scherzando, anche perché non sono tipo di facili lusinghe). Che dire, complimenti davvero per la geniale invenzione, il ..."
- Scritto da 0scur0
RetroCampus