Menu Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z

Satyrigame

gioco italiano!
1/6
Copertina Satyrigame
Satyrigame - Informazioni e risorse
Editore Gruppo Editoriale Jackson Musica (Assente)
Copyright - Titlescreen -
Serie Super 1988, 21 Genere SEUCK, Sparatutto
Anno 1988 Recensione -
Sviluppatore - Download Gioco (840 click)
Codice - Extras Manuale (text)
Grafica - Link Esterni gamebase64 logo csdb*

Punteggio Satyrigame

Accedi o Registrati
per votare.
Il tuo Voto:

-
Voto Totale:
5.71 (7 voti)

Commenti: Satyrigame

6 commenti per questo gioco! Accedi o Registrati per commentare.
Voto: -
28 maggio 2024
Ho indagato un po' su questo curioso titolo, che non è firmato, nel tentativo di stabilirne la paternità. L'intento sarebbe quello di capire com'è nata l'idea alla base di un videogioco politico; cioè se era stata commissionata dall'editore o se viceversa è stata tutta farina del sacco dell'autore. Il gioco è apparso originariamente sul numero 21 di Super Commmodore della Jackson e le ricerche partono necessariamente da qui. E' possibile infatti che l'autore figuri tra quanti hanno collaborato alla rivista. La redazione risulta composta da cinque elementi tra i quali ci appuntiamo il nome di Cesare Palmieri. Una rapida operazione di perlustrazione nel codice del gioco tramite monitor rivela poi un ulteriore indizio, la scritta "BOTTLES KILLER". Evidentemente l'autore è sempre lo stesso. I due titoli dovrebbero essere in qualche modo imparentati. "BOTTLES KILLER" è un altro SEUCK pubblicato nel 1989 su Videogiochi 1. Viene facile a questo punto supporre che Satyrigame possa esserne il rimaneggiamento e che per qualche svista non siano state pulite tutte le tracce del modello di partenza. Il Colophon di Videogiochi 1 ci rivela la presenza di due soli redattori: Alfonso Romano e... ancora Cesare Palmieri. Verrebbe perciò spontaneo supporre che il creatore del gioco (o di entrambi) possa essere quest'ultimo. Tuttavia un breve consulto con Raffox e con storico redattore di Jackson Massimiliano Anticoli escluderebbe questa possibilita'. La questione dunque rimane aperta e per il momento non è possibile definire meglio i contorni entro i quali Satyrigame ha visto la luce.
Voto: 6/10
06 maggio 2024
E' un seuck e il gioco si salva proprio per l'idea di metterci dentro i politici. Secondo me l'hanno fatto anche per ottenere l'attenzione dei giornali e farsi parlar di se' . Si riconoscono Craxi, Andreotti, Pannella. Il sicario con gli occhiali scuri sembra Goria. tutti ben caratterizzati bisogna dire! Tra i simboli quello MSI, la foglia repubblichina, la falce-martello, lo scudo crociato, il garofano, la pipa di Pertini. A volte sullo sfondo sembra di scorgere dei personaggi oscuri, agenti segreti sicuramente. Poi ci sono anche delle silfidi che tirano le frecce, non ci sono franchi tiratori ma tiratori e basta. Riassumendo, è tutto un magna-magna.
Voto: 5/10
01 maggio 2024
Il gioco mette su C64 gli scandali politici di fine anni 80, premesse di tangentopoli e mani pulite, più volte denunciate nel giornale “la Repubblica” diretto dal suo fondatore Eugenio Scalfari, protagonista del gioco. L’idea dei politici che tendono un agguato alla sua persona per zittirlo, con vari personaggi secondari come mafiosi armati di lupara e chierichetti ad impersonare una generica complicità vaticana, è da interpretarsi come satirica, scherno dei potenti, molto in voga a quei tempi in trasmissioni come “Biberon” (il Bagaglino). Il gioco è un classico SEUCK con personaggi ben disegnati, molto attinenti alle controparti in uno sfondo notturno di una città italiana. Molto semplice da finire, ma inficiato da problemi di collisione tra il nostro sparo e alcuni sprite avversari che anche se colpiti in pieno non ne vogliono sapere di spirare anche dopo numerosissimi colpi. Resta un giochino d’altri tempi che andrebbe spiegato alle nuove generazioni sia per i personaggi ormai che furono, ma soprattutto per un tipo di satirica che oggi probabilmente verrebbe censurata in modo aspro per il modo in cui è rappresentata.
Voto: 5/10
12 luglio 2020
Questo titolo mi era sfuggito . I giochi fatti col SEUCK mi attraggono ben poco ma questo mi ha davvero incuriosito:chissà cosa ha mosso l'autore (su gamebase indicato col nome di Chris Yates!? ) a inserirvi Scalfari che come un italico Rambo, va avanti  smitragliando a destra e sinistra in una folle corsa verso la redazione de "La Repubblica". Sulla sua strada agguerritissime figure della scena politica della prima repubblica, riconoscibilissime e davvero ben caricaturate. A parte queste note di colore, gioco noiosetto.
Voto: 6/10
09 marzo 2009
Una divertente via di mezzo tra Commando e Spitting Image! roba da scompisciarsi tanto i 'pistoleri' somigliano agli originali. Nel gioco oltre ai proiettili si devono schivare oggetti volanti come simboli di partito, pipe che si ritorcono contro il protagonista (peccato non disporre di qualche molotov!). Andrebbe aggiornato ai nostri tempi: tutto sommato a confronto quelli erano signori politici (ed è tutto dire)..
Avatar Generico
Voto: 6/10
08 marzo 2009
Lo acquistai, se non erro nel lontano 1988, nel formato floppy. Ero piccolo, non mi curavo di politica e non afferrai le caricature di Scalfari (Nel gioco ribattezzato Eugenio Scoop) e di tutti gli uomini politici dell'epoca (Craxi, Andreotti, Pannella, Goria, Spadolini, ecc). Come gioco in sè nulla di che, sparatutto con i nemici immobili e sempre nei medesimi posti, però come piccolo manifesto di un'epoca, beh, direi molto simpatico...
...un commento a caso!
edge_grinder Edge Grinder
Mi unisco ai plausi per l’aspetto tecnico del gioco, dunque una buona dimostrazione di talento poi confermata, dallo stesso autore, dall’ottimo Soulless. Purtroppo è l’originalità a latitare in questo livel... riviero
Commodore 64
Pannello Utente
182 Visitatori, 2 Utenti
Blob, Denz
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)
Merchandising
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Tony: Montezuma's Gold
Jahpohke78 in linea di massima comprendo la tua opinione e condivido molti aspetti di essa. Sono stato beta tester del game e lo conosco quindi assai bene in tutti i suoi aspetti (giocabilità, design, concept e quant'altro). Ne ho amato da ...
leggi »
Raffox
Articolo
Intervista a Luciano Merighi (Merifon)
"l'Amiga faceva quello che voleva lui". Proprio vero, padroneggiare un'architettura complessa come quella di un sistema a 32 bit è ben altra cosa.. Onestamente programmare a basso livello su macchine come Atari800/c64 e ' una esperienza ...
Fstarred
Superlink