VideoGiochi del Commodore 64

International Soccer CupAttualmente sono presenti 5.591 titoli nel nostro database, di cui 773 italiani, per un totale di 28.758 schermate. I giochi italiani vengono appositamente contrassegnati allo scopo di tracciare la produzione videoludica per Commodore 64 realizzata nel nostro paese.

I giochi italiani sono contrassegnati dall'icona: Gioco italiano

La pagina di ogni gioco offre la possibilità di leggere e rilasciare commenti e voti. Quando disponibili sono anche presenti: Mappe, Soluzioni e Manuali (versione e-text e/o scansioni).
Per i videogiochi italiani è disponibile anche il download dell'immagine del disco/cassetta.

Menù Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
COMMENTI PER PAGINA:

Dal 25 Novembre 2003 ad oggi, 720 utenti hanno commentato 1807 giochi per un totale di 5936 commenti.
Xandra , 09/08/2020 ore 11:29
Effettivamente, quello che ricordo maggiormente di questo gioco, è la pubblicità che al tempo vedevo su Zzap! Non poteva non colpire la bellissima illustrazione di Luis Royo, dove compariva una sensualissima principessa Gremla. Effettivamente nel Regno Unito la cover incontrò dei problemi legati alla censura e per questo , successivamente, venne modificata dall'editore/illustratore della rivista Crash, Oliver Frey, il quale mise sul reggiseno della donna due "belle" placche metalliche ...e buonanotte ai sogn..ehm...suonatori!
Xandra , 07/08/2020 ore 12:02
Solo tre livelli sono proprio un po' pochini, per questo Canabalt antisignano. Nel giro di cinque minuti si termina inesorabilmente! Ogni livello, consistente in una corsa contro il tempo, è intervallato da una sorta di tiro al bersaglio dove occorre uccidere un drago fluttuante nell'aria. Apprezzabile la musica di accompagnamento, firmata da Hubbard (con un brano riciclato da Phantoms of the Asteroid), ma la brevità del gioco unita alla mancanza di varietà, lasciano dell' amaro in bocca!
Xandra , 06/08/2020 ore 09:46
Singolaità di questo gioco è il punteggio, indicato con i numeri romani. Un'altra particolaità sono le animazioni del buffo personaggio verde nel momento in cui perde un vita, a seconda della causa del transito, questo offre brevissimi sketch differenti. Un motivetto blues (a dire il vero, un po' sconquassato) incalza durante l'azione di questo allegro platform in stile Monty Mole.
Xandra , 05/08/2020 ore 00:33
Il coin-up lo trovavo molto attraente ma di una difficoltà eccessiva. Ne percorrevo i vari pianeti con inquietudine fino ad arrivare (con moooolta fatica) al cattivone di fine livello, il quale naturalmente mi conciava per le feste in quattro e quattr'otto; ciò nonostante apprezzavo il gioco: la musica d'atmosfera e la grafica. La conversione non è malaccio, ma  la  grafica l'ho trovata abbastanza grezza, così come l'aspetto del protagonista che da guerriero spaziale dal corpo statuario, com'era nel coin-up, qui si è trasformato in un goffo personaggio più vicino alle fattezze dell"omino della Michelin". Comunque ne apprezzo l'assenza del multiload, vista la varietà che offre!
Xandra , 03/08/2020 ore 15:19
Il personaggio deve raggiungere tutte le celle frigorifere situate nella parte alta delle sei stanze dell'area di gioco, prestando attenzione agli ostacoli e ai nemici (alcuni ispirati a Robby del "Pianeta Proibito"). Dopo averle completate, il gioco riparte in loop esattamente con la medesima difficoltà. Il titolo richiede un po' di ragionamento oltre che riflessi e sincronismo. La musica trasmette abbastanza tristezza!
Commodore 64
Pannello Utente
21 Visitatori, 0 Utenti

Ciao, ospite!
(Login | Registrati)
Ready64 Store
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Game Over
"Effettivamente, quello che ricordo maggiormente di questo gioco, è la pubblicità che al tempo vedevo su Zzap! Non poteva non colpire la bellissima illustrazione di Luis Royo, dove compariva una sensualissima principessa Gremla. Effettivamente ..."
leggi »
- Xandra
Ult. Commento Art.
Intervista a Luca Stradiotto
"Grazie per questa interessante intervista, che ci riporta un po' tutti a tempi più sereni e più ingenui. Impressionante la mole di lavoro che c'era a carico di pochi "artigiani del software" per produrre un singolo gioco: veri pionieri! ..."
- Scritto da orion70
RetroCampus