Menu Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z

World Cup 90: Arcade Soccer

gioco italiano!
1/16
World Cup 90: Arcade Soccer - Informazioni e risorse
Editore Genias Musica Ivan Del Duca
Copyright - Titlescreen -
Serie - Genere Calcio, Sport
Anno 1990 Recensione -
Sviluppatore - Download Gioco (1211 click)
Codice Antonio Miscellaneo, Ivan Del Duca Extras Mappa
Grafica Ivan Del Duca Link Esterni lemon64 gamebase64 logo csdb*

Punteggio World Cup 90: Arcade Soccer

Accedi o Registrati
per votare.
Il tuo Voto:

-
Voto Totale:
5.89 (9 voti)

Commenti: World Cup 90: Arcade Soccer

6 commenti per questo gioco! Accedi o Registrati per commentare.
Voto: 5/10
18 gennaio 2024
Genias, come la Simulmondo con il suo Italy 90 Soccer, si cimentò nella realizzazione di un gioco di calcio per sfruttare l’evento mondiale avvenuto nel nostro paese, certi che una buona fetta di potenziali acquirenti avrebbe gradito condurre in casa propria la nazionale alla vittoria. Questo arcade ha saputo mettere su schermo i guizzi di Totò Schillaci? Diciamo che è da considerare come un rigore parato in semifinale da Goycochea. Partiamo dalle cose buone: il movimento del calciatore selezionato, veloce come dovrebbe, la possibilità di prendere palla con o senza scivolate, i falli ma soprattutto i rigori che si battono con una diversa visuale. I giocatori che interagiscono nel campo alzando la mano o fermandosi se sono stanchi fanno pensare ad una certa cura del gameplay ma il tutto non si amalgama e alla fine si inceppa. Pessima è la gestione dei compagni, molte volte inspiegabilmente assenti in difesa, vanno senza meta non seguendo l’azione; passargli la palla è un azzardo che paga poco. Molto meglio giocare da solisti e un trucco per non farsi raggiungere dal marcatore consiste in piccoli tiri in avanti che non fanno rallentare. Difficoltà a cambiare il giocatore da manovrare; capiterà che in cerca del pallone eseguiremo un tackle con ‘fire’ ma verremo frustrati dalla selezione involontaria di un altro nostro compagno. Solito portiere azzoppato. Non esce dalla sua linea di porta, anche se il pallone si ferma a due pixel di distanza. Segue la sfera e para qualsiasi tiro lanciato diritto, se debole afferra con le mani se no respinge lontano. Quindi va punito con i tiri diagonali e anche se tenta un tuffo vi sono posizioni dove non arriva mai come calciando verso il palo più distante. Con squadre facili farete goleade. Altra cosa fastidiosa la conclusione dell’incontro esattamente allo scadere. Comunque è di pregio il tabellone ufficiale di quel mondiale, noterete che non c'è la Francia che allora non si qualificò, e volendo è possibile lasciare tutte le squadre al computer e simulare il torneo per vedere chi vince. C’è un’opzione per giocare in bianco e nero, forse un po’ fuori tempo per gli anni '90. Cosa aggiungere? Molte scelte sono dettate dai limiti della macchina e pertanto il campo ampio dello stadio costringe a non poter visualizzare più di tre calciatori per squadra contemporaneamente. Sarebbe bastato un maggiore controllo sulle posizioni degli omini, magari con una spesa migliore per la loro intelligenza e ne si capisce il limite sulla possibilità di eseguire il colpo di testa che serve a poco se a palla alta la posizione giusta di un compagno non avviene mai. Ultima cosa vi sono versioni in rete piratate corrotte e piena di bug, forse derivate da una beta e si riconoscono quando giocate un incontro dal fatto che le maglie degli avversari saranno colorate sempre troppo simili alle vostre. Tipo scegliete blu chiaro? Tutti gli altri saranno blu scuro.
Avatar Generico
Voto: 8/10
08 gennaio 2013
Non ricordo come ne venni in possesso, forse me lo avevano prestato, ad ogni modo lo ricordo benissimo, o meglio ricordo che ci ho fatto parecchie partite: il gioco non era male, per il calcio al tempo, poi..era divertente e relativamente realistico...un gradino sotto i 2 classici e a pari merito con gary lineker superstar soccer come terzo...molto meglio questo che tantissime ciofeche uscite sul calcio.Lo consiglio vivamente. Voto 8
Voto: 6/10
24 novembre 2010
Lo comprai originale in cassetta, sedotto dall' atmosfera del mondiale che infatti riproduceva discretamente. Il gioco non era male, ci si giocava volentieri anche se non aveva la longevità e la dose di divertimento di EHIS. Un titolo comunque da ricordare.
Voto: 7/10
11 aprile 2009
Come gioco di calcio non mi e' mai dispiaciuto. Sicuramente non raggiunge il livello di capolavori come EHIS o Micropose soccer, ma resta comunque una perla da non sottovalutare.
Avatar Generico
Voto: 6/10
28 luglio 2007
Lo ricordo vagamente, probabilmente perché non era il top del calcio videoludico.... credo che fosse uno dei primi che ti permettesse di effettuare una rovesciata mettendoti di spalle alla porta.
Avatar Generico
OldCaesar1
Voto: -
01 aprile 2007
Facendo l'occhiolino al più conosciuto Emily Hughes Soccer, la Genias confezionò questo piccolo capolavoro, che è rimasto nel cuore di molti appassionati. Uscito subito dopo i mondiali del '90 prometteva al giocatore emozioni..dalle semifinali in poi! Se infatti il cammino all'inizio era relativamente agevole, la vera sfida si avvicina solo con l'approssimarsi della finale. nonostante i giocatori non fossero 11 come una vera partita di calcio esige, la meccanica di gioco e l'appeal che i mondiali tra nazioni promettono oltre che una buona realizzazione tecnica, garantirono ore di spensierato divertimento. Consigliato.
...un commento a caso!
nemesis Nemesis
Anche se il miglior sparatutto del 1986 è stato sicuramente Uridium, devo confessare che quello che ho giocato di più è stato Nemesis pubblicato dalla Konami in persona.Nel 1985 Gradius era stato uno shooter innov... shippo76
Commodore 64
Pannello Utente
76 Visitatori, 1 Utente
saccublenda
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)
Merchandising
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Circus
Stranissimo gioco che poteva essere fatto solo negli anni 80. Dobbiamo prima entrare nel circo evitando la ressa e poi affrontare una serie di prove. Tutto molto ingenuo e sperimentale.
leggi »
teribbile
Articolo
Intervista a Luciano Merighi (Merifon)
"l'Amiga faceva quello che voleva lui". Proprio vero, padroneggiare un'architettura complessa come quella di un sistema a 32 bit è ben altra cosa.. Onestamente programmare a basso livello su macchine come Atari800/c64 e ' una esperienza ...
Fstarred
Superlink