Menu Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Baal
Editore Psyclapse Musica (Nessuno)
Copyright Psygnosis Titlescreen -
Serie - Genere Platform, Sparatutto
Anno 1989 Recensione -
Sviluppatore - Download -
Codice Daryl Bowers Extras -
Grafica Andrew Morris Link Esterni lemon64 gamebase64
Loggati o Registrati
per votare.
Il tuo voto:
N/A
Voto Totale:
5.5 (2 voti )
Commenti
Commenta gioco C'è 1 commento per questo gioco! Registrati se vuoi lasciarne uno.
6
Pubblicato dalla Psyclape nel 1989, Baal (dall'ebraico: dominatore) è uno dei pochi titoli Psygnosis non influenzato dallo stile grafico inventato dall'artista britannico Roger Dean. Chi avesse provato anche la conversione su altre piattaforme, avrà sicuramente notato la migliore giocabilità offerta da quella per C64, che almeno contribuisce ad allungarne la non esagerata longevità. Dal punto di vista grafico c'è poca sostanza e l'impressione generale è che si poteva fare di meglio, lo stesso vale anche per gli effetti sonori ridotti al minimo in un tale game, dove la presenza di una colonna sonora di sottofondo è, credo, essenziale. Tanta invece la difficoltà che s'incontra durante l'esplorazione dei 3 livelli, dopodiché c'è solo una pic + tune! Personalmente Baal non mi ha mai entusiasmato perchè privo di alcun elemento innovativo, nonstante il marchio Psygnosis sia stato spesso indice di qualità. Ricordo il curioso effetto on/off a ritmo di musica del led drive nella versione Amiga.
Profilo di Raffox sul Forum - postato da Raffox (164) - 05-07-2007 [06:27]
Commodore 64
Pannello Utente
41 Visitatori, 1 Utente
Raffox
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)
Ready64 Store
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Boxymoxy
"Chi mi conosce sa che ho il debole tanto per i platform adventure quanto per i puzzle game. Questo game, programmato sapientemente dall'amico Antonio Savona, permette di far lavorare il cervello proprio come piace a me. Si tratta di avvalersi ..."
leggi »
- Raffox
Ult. Commento Art.
Intervista a Luca Stradiotto
"Grazie per questa interessante intervista, che ci riporta un po' tutti a tempi più sereni e più ingenui. Impressionante la mole di lavoro che c'era a carico di pochi "artigiani del software" per produrre un singolo gioco: veri pionieri! ..."
- Scritto da orion70
RetroCampus