Menu Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Chernobyl
Editore Cosmi Musica -
Copyright - Titlescreen -
Serie - Genere Miscellanea, Simulazione
Anno 1988 Recensione -
Sviluppatore - Download -
Codice Paul Norman Extras -
Grafica - Link Esterni gamebase64
Loggati o Registrati
per votare.
Il tuo voto:
N/A
Voto Totale:
N/A
Commenti
Commenta gioco C'è 1 commento per questo gioco! Registrati se vuoi lasciarne uno.
N/D
Probabilmente il più impegnativo simulatore di centrale nucleare tra quelli creati per il C64. Una miriade di comandi a nostra disposizione necessari per avviare il reattore (e già questa è un'impresa) e stabilizzare la produzione di energia. Ci si rende conto che non ci troviamo di fronte ad un gioco, bensì ad un simulatore, subito dopo la schermata di presentazione, da cui si viene lanciati in un groviglio di diagrammi, circuiti e terminologie tecniche. Il dinamismo e le musiche dei precedenti giochi di Norman, qui lasciano posto ad un ambiente asettico e dai minimali commenti sonori. Curiosamente qui il tipo di reattore sembra essere diverso dal tristemente famoso n. 4 presente nella centrale di Chernobyl. Alla luce di questo Norman afferma che ha combattuto con Cosmi perché il simulatore fosse titolato diversamente ed è probabile che quest'ultima abbia voluto chiamarlo Chernobyl per renderlo più appetibile al mercato, sfruttando il clamore del disastro avvenuto due anni prima.
Profilo di Xandra sul Forum - postato da Xandra (106) - 22-09-2019 [09:03]
Commodore 64
Pannello Utente
24 Visitatori, 1 Utente
Andy/AEG
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)
Ready64 Store
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Wonderboy
"Voto alto un po' partigiano, adoravo la versione arcade, appena uscito in cassetta corsi a comprarlo per regalarlo a mio fratello rompendo il salvadanaio, costava 14000lire! Il mio preferito per distacco, anche se non il miglior gioco in assoluto ..."
leggi »
- Stevin1975
Ult. Commento Art.
Intervista a Luca Stradiotto
"Grazie per questa interessante intervista, che ci riporta un po' tutti a tempi più sereni e più ingenui. Impressionante la mole di lavoro che c'era a carico di pochi "artigiani del software" per produrre un singolo gioco: veri pionieri! ..."
- Scritto da orion70
RetroCampus