Super Floppy 64

Raccolte di utility e giochi pubblicati su floppy disk da "Edi. Ri. s.n.c. Giochi e Ricerche" (poi divenuta Edi. Ri. Informatica s.a.s. e Di.Erre s.n.c. Editoria Futura) a cadenza mensile dal 1986. La società ebbe sede a Napoli e direttore responsabile fu inizialmente Luigi Valletta, seguito poi da Bruno Di Bari. La pubblicazione in origine fu denominata "Giochi e Ricerche - Super Floppy 64", successivamente divenne "Super Floppy 64". Alcuni de collaborati dell'opera furono: Francesco Sansone, Gianni D'Angelo, Libero di Leo, Umberto Liberti, Giuseppe Proto, Alessandra Antonelli, Luigi Bernelli, Antonella Cristiano, Aristide Ricciardi. In termini di originalità dei contenuti proposti da questa raccolta, sono da menzionare le lezioni sul linguaggio macchina, un glossario informatico a fascicoli, "Portobello bit", una bacheca di annunci di varia natura pubblicata saltuariamente e "SpotBit", un'iniziativa commerciale anch'essa saltuaria consistente in intermezzi pubblicitari tra un caricamento e l'altro, ideati da B.D.B. (Bruno Di Bari). Vanno menzionate anche altre iniziative interessanti come una sfida di sprotezione del software "Cerca trova e vinci" e altri articoli interessanti sul funzionamento dei dispositivi per la lettura di floppy disk e cassette. 

Se puoi contribuire con le parti mancanti (disco/cassetta/scansione), contattaci !
Totale Schede: 51 (22/18) | Totale Pagine: 3
[ 1 ] [ 2 ] [ 3 ]
Commodore 64
Pannello Utente
50 Visitatori, 0 Utenti

Ciao, ospite!
(Login | Registrati)
Ready64 Store
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Maniac Mansion
"L'idea di esplorare una casa piena zeppa di stanze, è sempre stata per me qualcosa di intrigantissimo. Maniac Mansion direi che in questo ha colpito nel segno, offrendomi un edificio enorme, oltretutto (ho scoperto recentemente) ispirato a ..."
leggi »
- Xandra
Ult. Commento Art.
Intervista a Luca Stradiotto
"Grazie per questa interessante intervista, che ci riporta un po' tutti a tempi più sereni e più ingenui. Impressionante la mole di lavoro che c'era a carico di pochi "artigiani del software" per produrre un singolo gioco: veri pionieri! ..."
- Scritto da orion70
RetroCampus