Menu Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z

Lions of the Universe

1/6
Copertina Non Disponibile
Lions of the Universe - Informazioni e risorse
Editore CP Verlag Musica Hannes Sommer, Karl Sommer
Copyright Electric Boys Enterteinment Software Titlescreen -
Serie - Genere Orizzontale, Sparatutto
Anno 1993 Recensione -
Sviluppatore Cosmos Designs Download -
Codice Hannes Sommer Extras -
Grafica Arnold Blühl, Bernd Buchegger, Hannes Sommer Link Esterni lemon64 gamebase64 logo csdb*

Punteggio Lions of the Universe

Accedi o Registrati
per votare.
Il tuo Voto:

-
Voto Totale:
6.75 (4 voti)

Commenti: Lions of the Universe

2 commenti per questo gioco! Accedi o Registrati per commentare.
Voto: 7/10
19 maggio 2009
Un altro gioiello sulla scia di Armalyte. Lions of the Universe è forse la creazione più memorabile di Hannes Sommer e tra i giochi più completi dell’ incontinente (e a volte equivoca) Cp Verlag. Lions ritocca quanto di incerto mostrava Plural, ovvero in particolare fondali modesti, mantiene alto il gameplay e accentua la varietà di sprite, ma resta forse un gradino indietro sul calibro della difficoltà. LoTU è comunque uno shooter di gran classe, immediatamente dietro la pole, con tocchi notevoli come l’opzione due giocatori, le ottime animazioni, la musica niente male, grandi boss, e la possibilità di personalizzare un vasto arsenale di fuoco (che a volte tuttavia non basta a liberarci la strada ed è necessario imparare schemi e posizionamenti).
Voto: 6/10
18 maggio 2007
2 anni dopo Plural, Sommer ci riprova con un prodotto ancora più clone. Infatti se Plural ricorda molto Armalyte, LOTU gli assomiglia ancora di più. Anzì, elementi grafici e sonori sono stati palesemente copiati! Eviterei di commentare la qualità di questi aspetti, limitandomi a segnalare le migliorie apportate in generale rispetto a Plural: la grafica occupa tutto lo schermo ed è ben realizzata, nonostante il game sia solamente composto da 2 livelli (con brevi stage intermedi); piacevoli musiche/effetti sonori accompagnano le partite. Buona la giocabilità, difficoltà calibrata. A proposito dei boss di fine livello, sarebbe stata cosa buona e giusta se Galimberti (Moonshadow) si fosse avvalso della creatività di Bluml: gli end boss ideati da quest'ultimo si adatterebbero molto più al genere fantasy. Concludendo, sappiate che solo leggendo il testo della end sequence (con la stessa malinconica melodia di Plural) potrete scoprire chi veramente sia il solo e unico Lion Of The Universe!!!
...un commento a caso!
project_space_station Project: Space Station
Ho un lontanissimo ricordo di questo gioco. Era su una intera facciata di un floppy, con caricamente piuttosto lunghi. Consisteva nella simulazione totale di una missione spaziale, partendo dalla preparazione della c... ecstaticax
Commodore 64
Pannello Utente
70 Visitatori, 0 Utenti

Ciao, ospite!
(Login | Registrati)
Merchandising
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Jungle Joe
Platform ambientato nella giungla. Un puzzle game dove il protagonista deve guadagnare l'uscita verso il livello successivo, facendosi strada a suon di macete, uccidendo ragni, serpenti ed altri animali, sbloccando meccanismi e soprattutto, ...
leggi »
Xandra
Articolo
Intervista ad Alex Brunetti - VideoBasic, Il Boss del Mobile
Lo spot del link di Roberto non me lo ricordo, ma uno con Guido Angeli che recita le frasi tipiche degli spot Aiazzone è questo LINK che però effettivamente è successivo al gioco di Brunetti. Comunque ...
Alpiñolo
Superlink