Il Pranzo è Servito
Screenshot: pranzo_e_servito.gif copertina non presente

Categoria: logo_rarita_giochi.png
Inserito: 10 marzo 2004 | Ultima modifica: 30 September 2020
Crediti: Roberto Nicoletti (Dump) Andrea Urbinati (Cassetta)
Download: Il Pranzo è Servito
Dimensione: 32,801 Kb
Scansioni: Nessuna.

 

La storia che sta dietro al recupero di questo videogioco è dovuta interamente al caso e può risultare un pò singolare, forse vale la pena raccontarla. Una sera stavo (distrattamente) ascoltando il telegiornale di un'emittente locale; si parlava di un videogame ispirato al "Pranzo è Servito", lo storico Quiz condotto da Corrado negli anni ottanta. Ovviamente le mie orecchie si rizzarono allorchè si menzionò il fatto che ne era stata fatta una versione per Commodore64! E così mi sono messo alla ricerca dell'autore e il risultato è il dump che qui potete scaricare. Sfortunatamente alla fine il gioco si rivela leggermente al di sotto delle mie aspettative, difatti ad un'idea simpatica (il "Pranzo" è un mito, e i videogiochi ci piacciono!) non fa seguito una realizzazione all'altezza della situazione.

Ad onor del vero va detto come i sotto-giochi dimostrino una certa inventiva, anche se non si può fare a meno di notare come l'accostamento cromatico scelto (letteralmente un cartone in un occhio) e la scarsa giocabilità intrinseca, dovuta soprattutto ad una gestione dei tempi di gioco non certo ottimale, finiscano con lo sfavorire pesantemente questo adattamento ad 8bit. Ho chiesto all'autore di raccontarci la genesi de "il Pranzo è Servito", vi lascio alle sue parole.

Andrea Urbinati:
"Ho programmato questo videogioco all’età di 17 anni, quando frequentavo il terzo anno di Ragioneria. Avevo appena iniziato a seguire le lezioni di informatica: così, per mettere in atto gli insegnamenti di scuola decisi di sviluppare un programma. Però non avevo intenzione di creare un software gestionale. Volevo creare qualcosa di divertente: l’idea mi venne dalla TV. Infatti, in quel periodo era terminato da poco il TV il quiz “Il Pranzo è Servito” condotto da Corrado che seguivo tutti i giorni al ritorno da scuola. Pensai: . E così sono riuscito ad unire ‘l’utile al dilettevole’ creando un gioco che mi ha consentito di fare pratica con l’informatica. Questa prima versione del gioco sviluppata con un primitivo linguaggio Basic si presenta piuttosto modesta in quanto sprovvista di vera grafica e di audio, ma si è rivelata fondamentale perché mi ha permesso di entrare a contatto con il mondo dell’informatica. Quindi è una versione del gioco al quale sono molto legato per questioni affettive e perché è proprio da questa versione che poi sono nate la seconda versione (per sistemi DOS nel 1995) e la terza versione (per sistemi Windows nel 2001) che hanno permesso di pormi all’attenzione degli utenti di Internet. La terza versione del gioco, infatti, è stata distribuita su internet dalla Mondadori e in edicola all’interno della rivista ‘PC Magazine’. E non solo: ora il gioco si avvale della collaborazione di diversi ragazzi che sono entrati in contatto con me e grazie ai quali si è inaugurato un sito web e un divertente fanclub. Ora con grande soddisfazione da parte mia, torna a rivivere anche la prima versione del gioco per merito di Roberto Nicoletti che è riuscito a convertire il mio vecchio codice salvato su una cassetta per C64 in formato eseguibile con un emulatore.” Nel file allegato ‘istruzioni.rtf’ troverete le istruzioni del gioco. Buon divertimento.

Altri numeri disponibili in questa collana. I numeri sono progressivi, posiziona il cursore su uno di essi per leggerne il titolo. Oppure, torna all'indice delle categorie.
14
Commodore 64
Pannello Utente
13 Visitatori, 0 Utenti

Ciao, ospite!
(Login | Registrati)
Ready64 Store
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
P.P. Hammer
"Uno degli ultimi grandi giochi per C64, conversione perfetta, fondale parallattico assente su Amiga... bellissimo!"
leggi »
- thecoach
Ult. Commento Art.
Intervista a Luca Stradiotto
"Grazie per questa interessante intervista, che ci riporta un po' tutti a tempi più sereni e più ingenui. Impressionante la mole di lavoro che c'era a carico di pochi "artigiani del software" per produrre un singolo gioco: veri pionieri! ..."
- Scritto da orion70
RetroCampus