Menu Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Slap Fight
Editore Imagine Musica Martin Galway
Copyright Taito Titlescreen Stephen Wahid
Serie - Genere Coin-op, Sparatutto, Verticale
Anno 1987 Recensione -
Sviluppatore - Download -
Codice Johnny Meegan Extras -
Grafica Stephen Wahid Link Esterni lemon64 gamebase64
Loggati o Registrati
per votare.
Il tuo voto:
N/A
Voto Totale:
7.89 (9 voti )
Commenti
Commenta gioco Ci sono 6 commenti per questo gioco! Registrati se vuoi lasciarne uno.
8
Dopo 1942, Slap Fight era lo "spara e fuggi" a scorrimento verticale che al bar giocavo maggiormente. Sul C64, considerando l'architettura del gioco non proprio snella (armamenti progressivi tra cui i 'missili a ricerca", varietà dei fondali e dei nemici), la conversione risulta veramente fedele, contando oltretutto che non è supportata da multiload....per 1942, invece...
Profilo di Xandra sul Forum - postato da Xandra (42) - 29-07-2018 [19:10]
8
Nel 1987, questo Slap Fight era per me l'equivalente su C64 di un Truxton per Megadrive o di un Raiden per PC Engine, tanto la conversione era aderente e il coin-op importante. Il capolavoro Toaplan era gettonatissimo al epoca con il suo innovativo armamento progressivo e la sua grafica ricercata, e come avvenuto con il precedente Terra Cresta, l' Imagine deliziò i possessori di questo sistema con un ottima conversione. La grafica di Stephen Wahid (Terra Cresta, Green Beret) non è spettacolare ma i fondali sono molto puliti e spesso dettagliati, insomma somigliano e sopratutto rispettano l' arcade. I nemici ci sono tutti e sono discretamente disegnati, idem i boss che sono grossi ma in alcuni casi blocchettosi. I colori non sono tanti ma la scelta della palette è molto azzeccata. Da rimarcare la notevole fluidità. La giocabilità, nonostante lo schermo orizzontale è abbastanza aderente all'arcade, la difficoltà risulta più bassa e si riesce anche a finirlo anche con una vita. Ottimo e originale il sistema delle armi che si ispira a Gradius con la novità che si possono agganciare i pezzi. La longevità è più che discreta, i livelli sonoquelli del arcade, quindi senza stacchi e senza un finale (classico loop infinito Toaplan). Fortunatamente a differenza di Flying Shark non c'è il multiload che spezza l'azione. Il sonoro è grandioso e non poteva essere altrimenti visto che è di Martin Galway. Bellissima la cover , non vedo la firma ma penso sia di Wako. All'epoca giocai tantissimo a questa conversione visto che il coin-op lo trovai troppo difficile, inoltre la sua media difficoltà (una cosa rara per gli shooter di questo computer) me lo fece preferire ad altri verticali come Hades Nebula. Slap Fight è una piccola gemma che stranamente al epoca non venne apprezzata adeguatamente da Zzap (solo 80%) nonostante la recensione si concludesse con "Una superba conversione di un bellissimo sparaefuggi". Voto 87%
Profilo di shippo76 sul Forum - postato da shippo76 (64) - 18-06-2017 [12:52]
8
Nel 1987 ci furono un paio di recensioni su Zzap che mi indispettirono non poco, non che il voto fosse osceno ma sicuramente si sarebbero meritati di più. I 2 giochi in questione sono Arkanoid e Slap Fight e lacoincidenza volle che il loro globale fosse identico, vale a dire 80%. Di Arkanoid parlerò in un prossimo post, qui voglio parlare della conversione del miglior sparatutto verticale del 1986 in sala giochi. Fortunatamente il globale non fu ingiusto come quello di un altro shooter Imagine sottovalutato (Terra Cresta voto 56%), ma vista l'aderenza all'arcade il voto di 80% gli stava un po'stretto. I voti sulle riviste dell'epoca furono un po' discordanti: mediocre per CU 5/10, buono per Your Commodore 8/10, ottimo per C+Vg 9/10. La grafica non è spettacolare ma i fondali sono molto puliti e in alcuni casi dettagliati, insomma ricordano quelli particolareggiati del coin-op. I nemici ci sono tutti e sono discretamente animati, idem i boss che sono un po' blocchettosi ma definiti. I colori non sono tanti ma la scelta della palette e azzeccata. La giocabilità nonostante lo schermo orizzontale è abastanza aderente all'arcade, la difficoltà è più bassa e si riesce a finirlo anche con una vita. Ottimo e originale il sistema delle armi che si ispira a Gradius con la novità che si possono agganciare i pezzi. La longevità è più che discreta , i livelli sono quelli del coin-op e i loop infiniti. Fortunatamente a differenza di Flying Shark non c'è il multiload che spezza l'azione. Il sonoro è grandioso e non poteva essere altrimenti visto che è di Martin Galway. Bellissima la cover , non vedo la firma ma penso sia di Wako. All'epoca Slap Fight mi lascio pienamente soddisfatto, ritrovarsi una così fedele conversione (del grandioso coin-op Toaplan) era una cosa rara per quei tempi. Vista la carenza di shooter verticali per c 64 questo lavoro della Imagine è da promuovere appieno. Voto all'epoca 87%
Profilo di shippo76 sul Forum - postato da shippo76 (64) - 13-03-2016 [21:48]
8
Classico sparatutto, completo di icone-bonus e armi aggiuntive per rendere sempre vario il gioco. Un genere da sempre giocato che trova quì uno dei migliori prodotti.
Profilo di Pi_Team73 sul Forum - postato da Pi_Team73 (34) - 20-12-2008 [07:07]
8
Slap Fight in sala giochi era un shoot em up come gli altri,seppur ben realizzato.La fedelissima conversione per C64 riesce a valorizzarlo nel migliore dei modi.Il sistema di power-up e' avanzatissimo per l'epoca ( ed alcune armi,come i missili a ricerca,sono molto efficaci ),e dopo un impatto iniziale duro si notera' come i potenziamenti siano abbastanza generosi.Non e' esattamente un gioco lunghissimo,visto che si puo' completare in una decina di minuti,ma saranno dieci minuti decisamente intensi...
Profilo di AggRoger sul Forum - postato da AggRoger (402) - 02-11-2008 [03:27]
8
Pur non vantando una grafica rimarchevole (comunque discreta per l’87, grezza ma efficace, se ricordo il coin-op), il punto forte di Slap Fight è una giocabilità ad alti livelli e un’azione coinvolgente come ben pochi altri V-Scrolling shooter. Dunque il titolo s’assesta tra i migliori titoli targati Imagine, ai cui livelli si succede in una progressione senza soluzione di continuità, o stacchi. Si può personalizzare la navetta con armi a iosa, formando una flotta devastante, benché se colpiti, soprattutto in scenari avanzati, ricominciare da capo non è propriamente facile. Mi ha preso oggi come quasi 20 anni fa… merita una riscoperta.
Profilo di riviero sul Forum - postato da riviero (414) - 31-10-2008 [02:58]
Commodore 64
Pannello Utente
9 Visitatori, 0 Utenti

Ciao, ospite!
(Login | Registrati)
Ready64 Store
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Aviator Arcade II
"Tiger Mission mi aveva appassionato molto nei tempi che furono. Aviator Arcade II, seguito di Aviator Arcade (rilasciato nel 2014), mi ha trasmesso lo stesso vibe... ben ideato, graficamente vario e curato, giocabile al punto giusto. È ..."
leggi »
- Raffox
Ult. Commento Art.
RetroCampus