!!! CAMBIO DI DOMINIO !!!

Fate girare la voce! Ready64.Org è il nuovo indirizzo ufficiale del vostro sito per Commodore 64 preferito! Il vecchio URL resterà attivo fino a Marzo del 2018.

Menu Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
SDI: Strategic Defence Initiative
Editore Activision Musica Paul Summers
Copyright Sega Titlescreen -
Serie - Genere Miscellanea, Sparatutto
Anno 1988 Recensione -
Sviluppatore Source Download -
Codice Mike Chilton Extras -
Grafica Bryn Redman Link Esterni Lemon64, GB64, CSDb*, Sfodb*.
Loggati o Registrati
per votare.
Il tuo voto:
N/A
Voto Totale:
7 (5 voti)
Commenti
Commenta gioco Ci sono 2 commenti per questo gioco! Registrati se vuoi lasciarne uno.
Voto:
7
Il 1987 fu un grande anno per la Sega in sala , la casa riuscì a piazzare tanti hit di cui naturalmente attendevo le conversioni. Purtroppo sia Afterburner 2 che Super Hang-on si rivelarono pessime conversioni, ma alla fine diciamo che ai possessori del 64 non andò malaccio (anzi) visto che 5 titoli di quell'anno furono buone/ottime conversioni (Thunderblade, Alien Syndrome, Shinobi, SDI e Superwonderboy ). Parlando di SDI, ricordo che insala giochi mi stupirono i suoi particolari comandi, il satellite si comandavacol joy e il mirino con la trackball. Pur essendo ispirato a Missile Command, nel 1987 lo trovai uno shoter originale e ci feci qualche partita, anche se alla fine non era niente di speciale. Nel 1988 la Activision lo portò su 64 con buoni risultati. La grafica rende abbastanza bene il coin-op nonostante il caricamento singolo. Il manuale parla di 300 di sprites diversi (esagerati ..) che sono definiti e particolareggiati pur essendo abbastanza piccoli, buona anche la varietà. La maggiorparte dei fondali del coin-op è resa bene, peccato per la Terra un po' troppo grezza. Inoltre alcuni non variano ma si limitano a cambiare solo di colore (per esempio gli ultimi 3 livelli che sono identici). Nei livelli di difesa poi l'installazione da difendere è sempre la solita base, nel coin-op cambiava in base al livello. La giocabilità nonostante la mancanza della trackball è più che buona, si può scegliere tra vari metodi di controllo (2 joy, joy e tastiera ecc). Anche se il numero di nemici è notevole, non si raggiunge la frenesiadel coin- op dove lo schermo era letteralmente pieno di missili, satelliti, astronavi ecc.. (almeno il triplo della versione c 64). La longevità è ottima, ci sono 11 livelli (che diventano il doppio se vi scappa un solo nemico perchè bisogna poi difendere), la difficoltà giusta (non è difficile come sosteneva Zzap). Voto 83% visto che alla fine risulta un po' ripetitivo.
Profilo di shippo76 sul Forum - postato da shippo76 (64) - 27-03-2016 [10:43]
Voto:
7
Questo sparatutto orizzontale non ha raccolto particolare successo quando venne pubblicato, eppure si tratta di un prodotto sicuramente interessante e mediamente ben realizzato. Abbiamo originalità sotto ogni aspetto: ambientato negli ultimi anni della Guerra Fredda, quando si parlava dell'iniziativa della Difesa statunitense comunemente nota come "Scudo Spaziale" (successivamente ribattezzata in "Guerre Stellari", dopo il successo dell'omonimo film di fantascienza), tuttavia mai effettivamente realizzata in concreto... se non in minima parte. Pilotando un sistema di difesa satellitare bisogna ingegnarsi a neutralizzare tutti gli attacchi missilistici sferrati dal nemico. La modalità di controllo è piuttosto interessante perché permette di controllare veicolo e mirino oltre che con la tastiera, anche scegliendo uno o due joystick. Il "comparto grafico" è curato e piuttosto evocativo. Nelle concitate fasi di gioco ci si trova a sorvolare superfici planetarie e a schivare tempeste di asteroidi, in una soddisfacente varietà di scenari. Più si avanza nel gioco più la difficoltà aumenta, ma già dall'inizio occorre una buona dimestichezza dei controlli per superare gli stage. Melodie ed effetti sonori sono pressoché nella norma. Personalmente ritengo SDI uno dei più bei titoli SEGA per C64. Avrei gradito una difficoltà di gioco più ragionata e graduale, magari anche melodie più raffinate. In ogni caso mi pare si tratti di un prodotto meritevole di attenzione e appassionante ma ampiamente sottovalutato.
Profilo di Raffox sul Forum - postato da Raffox (143) - 22-07-2014 [07:30]
Commodore 64
Utenti Online
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)

Cerca un gioco
Random Game
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Phobia
"Rispondo al commento di Amy-Mor: ricordo di aver fatto (successivamente al mio commento precedente) lunghe ricerche sulla differenza tra versione disco e versione nastro, e alla fine la differenza effettivamente c'era (purtroppo non ricordo dove l'ho letto, e ora non ho tempo di cercare). Personalmente, ai tempi ho giocato ad una versione sicuramente "pirata", di cui ignoro la provenienza, essendomi stata fornita su un nastro già duplicato. In quella versione, se ci si dirigeva al Sole prima di aver liberato tutti i pianeti, si rimaneva semplicemente "bloccati" dopo aver superato il livello. I livelli, infatti, venivano caricati in sequenza, e quello finale era appunto l'ultimo della sequenza. Il gioco era strutturato in modo che ci si potesse muovere soltanto lungo un unico segmento, per cui se si volevano vedere tutti i livelli bisognava dirigersi verso i singoli pianeti in un ordine predeterminato. Il mostro finale era un diavolo; se quello che hai affrontato era diverso è probabile che tu avessi la versione nastro, e che dopo aver superato il livello sia appunto rimasto bloccato (potrei sbagliarmi, ma dopo la sequenza finale il gioco finiva (LINK)). "
- Scritto da rainstorm
Ult. Commento Art.
Alieni, piccioni e palline da golf (parte 1)
"Ho letto con interesse. Solo una perplessita': si parla di numeri in "virgola mobile" memorizzati su 4 byte e relative operazioni in "virgola mobile". Da quanto mi sembra di capire pero' i 2 byte superiori tengono sempre la parte intera e i 2 ..."
- Scritto da SevenLegion
Ospitato su