Menu Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Transformers
Editore Ocean Musica Fred Gray
Copyright Hasbro Titlescreen -
Serie - Genere Platform, Sparatutto, Tie-in
Anno 1985 Recensione -
Sviluppatore Denton Designs informazioni Download -
Codice - Extras Mappa
Grafica Simon Butler Link Esterni Lemon64 Gb64
Loggati o Registrati
per votare.
Il tuo voto:
N/A
Voto Totale:
4.75 (8 voti )
Commenti
Commenta gioco Ci sono 3 commenti per questo gioco! Registrati se vuoi lasciarne uno.
4
Diciamo che all'epoca avere tra le mani una cassetta di un videogioco per C64 con stampati sopra i mitici robottoni trasformabili era qualcosa di elettrizzante, una gioia provocata dal mero feticcio della confezione. Poi il primo caricamento, seguito dallo smarrimento di fronte ad un primo impatto non proprio piacevole: tutto e' troppo veloce, mal calibrato, incontrollabile. Un'ultima gioia arriva dal trovare i comandi per selezionare e far trasformare i diversi autobot e dalla musica originale del cartoon, poi piu' nulla, il vuoto totale. Sprite dei nemici impossibili da evitare, cosi' come le pareti contro le quali e' inevitabile scontrarsi. La sfida del gioco dovrebbe essere quella di trovare le quattro parti di un cubo di energon, ma in realta' tutto l'impegno si esaurisce nel cercare di controllare gli autobot che non fanno altro che schiantarsi e morire.
Profilo di Sevanrulez sul Forum - postato da Sevanrulez (6) - 13-08-2014 [14:51]
5
Piuttosto sconfortanti gli esiti di questo gioco da parte degli (altrove più fortunati) sviluppatori Denton. Praticamente ingiocabile a causa della rapidità con cui ci si disintegra addosso alle pareti, si richiedono ripetute prove per evitare collisioni non appena il transformer si solleva da terra. Per non parlare della velocità dei nemici, quasi sempre superiore alla nostra, che finisce inevitabilmente la corsa -e presumibilmente, esistenza- addosso, dà un’idea di sciatteria all’insieme. Se si può elogiare la fluidità di gioco e lo scrolling, così come sfiziose sono le varie trasformazioni che caratterizzano la serie originaria, lo scenario da percorrere in cerca di tasselli che ricompongano i mosaici appare lillipuziano, alquanto noioso e blando. Il tema della serie è riconoscibile ma ronzante.. insomma è ciò che sembra, i ritagli di tempo di chi realizzava i coevi Shadowfire, Enigma Force ecc..
Profilo di riviero sul Forum - postato da riviero (406) - 25-05-2013 [11:37]
4
per un bambino di 8 anni (all'epoca...sigh!) un gioco dei propri idoli transformers era qualcosa di impensabile visto che in quegli anni non c'era la corsa al marketing estremo che c'è al giorno d'oggi... resta il fatto che questo gioco era frustrante all'epoca e lo è ancora oggi: i nemici ci svolazzano intorno non dandoci modo nè di muoverci nè di provare le trasformazioni (che erano il divertimento di questi giocattoli). Ripeto, merita un 4 solo perché era un prodotto innovativo per l'epoca portando su computer un brand di giocattoli, ma per il resto è di una pochezza estrema...
Profilo di pippofaina sul Forum - postato da pippofaina (20) - 07-01-2010 [07:56]
Commodore 64
Pannello Utente
43 Visitatori, 1 Utente
Oge
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Rescuing Orc
"Un puzzle platform avventuroso dal gradevole e dettagliato aspetto grafico del quale non è semplice venire a capo. Ispirato al noto Wonder Boy in Monsterland o ai classici Monty, è altrettanto lillipuziano nell’aspetto, nelle gradevoli animazioni e ricalcato nel gameplay, ma penalizzato dalla varietà della struttura e da una difficoltà che spesso non perdona. Ad accompagnare l’intrepido eroe nella serie di livelli labirintici un simpatico sottofondo musicale, equipaggiati da una scamorza di spadino e da una ridotta capacità di salto che ispirano tenerezza. Si debbono superare quadri infestati da varie amenità assortite, di cui vanno imparate le routine per aver la meglio, in cerca di chiavi e leve di sblocco. Non sono infrequenti autentici salti nel vuoto e bonus che ricaricano vite a disposizione. Non l’ho trovato granchè intrigante, in quanto ripetitivo nella frequenza di salti da spiccare o nella serialità di avversari in coppie, il che sommato a una certa frustrazione può far gettare presto la spugna, ma non gli nego un certo gusto nel giocarlo. "
- Scritto da riviero
Ult. Commento Art.
Alieni, piccioni e palline da golf (parte 2)
"Geniale il metodo per realizzare un vero video con la grafica a caratteri. Ma nessuno aveva pensato a fare qualcosa di simile all'epoca del Commodore? Forse a quei tempi anche per le software house professionali era difficile avere un computer più ..."
- Scritto da Kirie e Leison
RetroCampus