Menu Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Renegade
Editore Imagine Musica -
Copyright Technos, Taito Titlescreen Stephen Wahid
Serie Renegade Genere Arcade, Coin-op, Picchiaduro
Anno 1987 Recensione -
Sviluppatore - Download -
Codice Mark Taylor Extras -
Grafica Jane Lowe, Stephen Wahid Link Esterni lemon64 gamebase64
Loggati o Registrati
per votare.
Il tuo voto:
N/A
Voto Totale:
7.67 (21 voti )
Commenti
Commenta gioco Ci sono 11 commenti per questo gioco! Registrati se vuoi lasciarne uno.
9
molto carino e giocabile (con 1 joystick). peccato sia troppo corte e troppo semplice. avrebbero dovuto fare almeno il doppio dei livelli.
Profilo di ghiacciolo1 sul Forum - postato da ghiacciolo1 (74) - 01-04-2015 [21:53]
8
Anche questo Renegade lo conobbi grazie ad una bellissima collection di giochi Taito su due cassette per il mio fido C64,anche se purtroppo non ho mai giocato al coin-op originale. Sinceramente ricordo che non sapevo cosa aspettarmi,e una volta iniziato rimasi abbastanza sorpreso.Un po' per la grafica abbastanza definita e colorata,un po' per le musiche divertenti e incalzanti,e un po' per la giocabilità curata,ma non per questo permissiva..anzi,le primissime partite finirono col mio personaggio sul pavimento dopo pochi secondi,ma la situazione migliorò pian piano e riuscii ad avanzare nei livelli,ma purtroppo non riuscii mai a finirlo,rimasi bloccato di fronte ad una "donnona" che mi calciò per bene ogni volta che mi ci paravo davanti (quella che si vede nell'ultima foto in questa pagina,con maglietta bianca e pantaloni neri)! Rimase nel mio datassette per diverso tempo finchè non mi dedicai ad altro. Mi ha lasciato un buon ricordo di un picchiaduro divertente e scanzonato,comunque impegnativo!
Profilo di Gatsu77 sul Forum - postato da Gatsu77 (54) - 28-10-2013 [10:46]
9
Ce l'avevo in cassetta, col titolo "Ghetto". Anche io usavo il sistema joystick+tasti, e dopo un po' in effetti ci si abitua. Mi piaceva il fatto che per alcuni personaggi, come la cicciona centometrista, o quegli yakuza col coltello, necessitavano di un po' di strategia per essere messi al tappeto. Una volta terminato, il gioco ricominciava dal primo stage, ma i boss erano più tosti. Per ogni boss sconfitto, ricordo che lo sfondo del suo ritratto cambiava colore. Sono tornato al bianco iniziale dopo il nero da ragazzino, quindi posso dire..finito, e strafinito! Oggi non avrei più tutta questa pazienza...sarò controcorrente, ma lo preferisco comunque agli altri due seguiti.
Profilo di kuniokun sul Forum - postato da kuniokun (3) - 04-11-2012 [11:57]
3
Scomodissimo, ma ci si poteva abituare... ho sempre usato il joystick per muovermi e i tasti 1 e 2 per pestare! Ma se i primi due livelli erano fattibili dal terzo in poi diventavano impossibili... non sono mai riuscito, nemmeno per sbaglio, a dare un colpo alla grassona!
Profilo di coach sul Forum - postato da coach (80) - 17-03-2011 [09:36]
6
Al tempo tutti dicevano che era uscito un capolavoro, ma quando lo vidi mi accorsi che non lo era, usare 2 joystick per giocare era ridicolo, i tempi di caricamento lunghi e la giocabilità bassa per non parlare della difficoltà al limite o oltre la sopportazione (quanti cazzotti ho dato al mio 128 dal nervoso!). Non consiglio neanche la versione sala giochi, troppo difficile, date un occhiata con M.A.M.E.
Profilo di eizo sul Forum - postato da eizo (43) - 14-03-2011 [19:50]
10
Il "segreto" di questo gioco, che personalmente è il mio preferito di sempre per commodore 64, era quello di non utilizzare due joystick, ma joystick (per gli spostamenti) e tastiera (per i colpi). Ritengo che assieme a Barbarian e ad IK+ sia stato l'unico picchiaduro per commodore 64 in cui la routine di collisione dei colpi era perfetta e dava davvero la sensazione del pestaggio.
Profilo di R-e-D sul Forum - postato da R-e-D (6) - 14-02-2008 [00:50]
10
L'unica pecca alquanto frustrante era quella di dover usare 2 joystick, uno per i movimenti e uno per le mosse. Solo dopo molta pratica riuscii a finire i 4 quadri principali,ma purtroppo il gioco continuava...
Profilo di Hysteria sul Forum - postato da Hysteria (71) - 06-08-2007 [17:26]
N/D
Malgrado il sistema di comando un po' frustrante per l'epoca, era decimanete un ottimo picchiaduro. Assolutamente irripetibile.
@ - postato da Cezy - 05-03-2006 [07:55]
N/D
Beh, che dire... Nonostante la versione Spectrum sia (ovviamente) graficamente più brutta, trovo che abbia una giocabilità superiore, in virtu' del fatto che permette l'uso di 8 sprite su schermo, il che rende il gioco più caotico e simile al gioco arcade, e inoltre il controllo su Spectrum è molto più geniale, in quanto non necessità di ulteriori 2 tasti. Tuttavia ho letto che anche su C64 era possibile inserire 8 sprite su schermo contemporaneamente... credo che alla fine sia solo un'incapacità di programmazione degli autori C64. Anche "Target renegade" è più divertente e giocabile su Spectrum.
Profilo di Wolf sul Forum - postato da Wolf (91) - 28-02-2006 [12:00]
N/D
Adoro i beat'em-up ... ma Renegade ha un sistema di gioco insopportabile !!! Non l'ho mai finito, neppure coi trainer, troppo frustrante .....
@ - postato da The Overkiller - 04-02-2005 [12:36]
N/D
Che goduria menare queste bande di bulli. Bello come il coin-op, forse anche più bello. Un po scomodi i comandi non programmabili (se ricordo bene).
@ - postato da Evincaro - 22-12-2004 [02:56]
Commodore 64
Pannello Utente
28 Visitatori, 0 Utenti

Ciao, ospite!
(Login | Registrati)
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Burnin' Rubber
"Giocare a Burnin Rubber costituiva per me un'esperienza di difficile catalogazione. Andavo avanti ad oltranza convinto (non so in base a quale pregiudizio) che prima o poi qualcosa sarebbe cambiato. Ero quasi mesmerizzato, tenevo duro ..."
leggi »
- Roberto
Ult. Commento Art.
Il LOGO per Commodore 64
""Realizzata congiuntamente dalla Commodore Italiana e dalle Edizioni Elettroniche VIFI della Mondadori, con la supervisione di Giovanni Lariccia, ricercatore del CNR, la versione italiana di Logo per il C 64 viene distribuita su disco con una ..."
- Scritto da Roberto
RetroCampus