Menu Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Steel Eagle
Editore Players Premier Musica Sonic Graffiti
Copyright - Titlescreen -
Serie - Genere Orizzontale, Sparatutto
Anno 1990 Recensione -
Sviluppatore Reflective Designs Download -
Codice Duncan Scott Kershaw Extras -
Grafica - Link Esterni lemon64 gamebase64
Loggati o Registrati
per votare.
Il tuo voto:
N/A
Voto Totale:
6 (3 voti )
Commenti
Commenta gioco Ci sono 2 commenti per questo gioco! Registrati se vuoi lasciarne uno.
6
Sono abbastanza d'accordo con ciò che ha scritto Raffox nel suo commento: Steel Eagle è uno dei tanti "cloni" di Armalyte, e non si distingue dalla massa; mi ci sono divertito abbastanza, ma non sono andato oltre il secondo livello, perché il gioco è abbastanza frustrante: i nemici che compongono le varie ondate sono sempre molto distanti tra loro, e i movimenti sono poco prevedibili (quest'ultimo difetto era presente anche in Armalyte), obbligando il giocatore ad un grande sforzo mnemonico; inoltre è facile scambiare le armi extra per nemici, o comunque colpirle nella frenesia dell'azione; infine, le esplosioni continuano il percorso che avrebbe fatto il nemico se fosse ancora in vita, caratteristica odiosissima, probabilmente attuata per non far andare in palla il multiplexer (ma che fa andare in palla il giocatore). Fortunatamente il giocatore ha a disposizione un certo numero di "raggi della morte", utili per far fuori le torrette più riparate (dato che quest'arma "perfora" le strutture fisse). Si poteva fare meglio, discostandosi magari dal modello originale (Armalyte), che è indubbiamente un capolavoro, da cui però chi ad esso si è ispirato ne ha trasposto pochi pregi e praticamente tutti i difetti.
Profilo di rainstorm sul Forum - postato da rainstorm (217) - 15-08-2013 [09:49]
6
Budget game di poche pretese, S.E. non brilla per l'originalità. Niente intro, niente end sequence, niente intermezzi, il game inizia così, crudamente, senza neppure un blando accenno di trama almeno per farci capire what's going on... Ma si sa, ci vuole poco ad intuire il da farsi quando sullo schermo compare una navicella in un celo stellato e le prime orde di sprite nemici fanno il loro ingresso! Analizzando quindi il game per quello che ci offre, gli elementi grafici sono tutto sommato gradevoli e ben ideati, anche se non proprio raffinati e accattivanti. Forme e colori sostanzialmente azzeccati evidenziano una certa bravura di Kershaw che si è occupato praticamente di tutti gli aspetti principali del game e che dimostra altresì una discreta padronanza anche nella programmazione, tant'è che il codie risulta solido, specialmente nel rilevamento delle collisioni e nella giocabilità. Di poco conto gli end boss, non riservano particolari sorprese sia in termini di stile che di A.I. Decisamente più sfizioso invece il comparto sonoro, dove soprattutto la melodia principale è di buona fattura e immediatamente orecchiabile, frutto della co-op di Sonic Graffiti e di un meno conosciuto System 6581. Senza dimenticare che si tratta sempre di un budget game 'one filed' che fa il suo dovere senza però eccedere, penso che nel complesso si sarebbe potuto ottenere un prodotto più accattivante e longevo se fossero stati adottati piccoli accorgimenti, sia grafici che di concept, tanto per non ricadere nel solito piattume che spesso caratterizza shoot'em up 'h-scrolling' come questo.
Profilo di Raffox sul Forum - postato da Raffox (163) - 07-06-2009 [10:27]
Commodore 64
Pannello Utente
14 Visitatori, 1 Utente
eregil
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)
Ready64 Store
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
X-Force
"Uno sparacchino caratterizzato dal buon comparto tecnico e da una musica ''techno'' ben simulata e incalzante, la cui difficoltà è tarata decisamente verso l’alto. Il solito escamotage di imparare i pattern delle orde nemiche facilita a ..."
leggi »
- riviero
Ult. Commento Art.
Le Collane Avventurose in Italia - Parte II: La Catalogazione
"Ciao a tutti, gli inserti della guida per giocare e scrivere avventure, apparsi sui primi sei numeri di Explorer, erano stati riuniti in un pdf nel 2004 sul sito del Progetto Lazzaro, da tempo offline. Mancava il quarto, che fu poi recuperato ..."
- Scritto da Gyrev
RetroCampus