Menu Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Blade Runner
Editore CRL (Computer Rentals Limited) Musica Bob Hartshorne
Copyright - Titlescreen -
Serie - Genere Avventura, Tie-in
Anno 1985 Recensione -
Sviluppatore - Download -
Codice Ian Foster Extras -
Grafica - Link Esterni lemon64 gamebase64
Loggati o Registrati
per votare.
Il tuo voto:
N/A
Voto Totale:
7 (8 voti )
Commenti
Commenta gioco Ci sono 5 commenti per questo gioco! Registrati se vuoi lasciarne uno.
6
Siamo nel novembre 2019, mese in cui si svolgono i fatti di Blade Runner. Perché dunque non dare un'altra chance a questo titolo CRL sul nostro C64? Stando a Wikipedia in inglese, la CRL non ottenne una licenza per realizzare il gioco ufficiale del film Blade Runner, e decise di ovviare prendendo in licenza la colonna sonora, e pubblicando questa "interpretazione videoludica della colonna sonora di Vangelis". Forse il gioco era già stato realizzato, o in fase avanzata di realizzazione, fatto sta che numerosi elementi caratterizzanti del film sono riportati fedelmente: i messaggi "move off world", l'uso dello spinner, nonché l'inseguimento dei "replidroid" nelle strade affollate, chiaramente ispirato alla scena del ritiro di Zhora; e perfino qualche scritta in cinese qua e là (ma forse sono solo caratteri cinesi scelti in base alla facilità di riproduzione grafica, e accostati a caso). Decisamente, l'atmosfera c'è tutta, nonostante la grafica blocchettosa e approssimativa. La giocabilità invece strappa a malapena la sufficienza, e i più riusciranno a portare a termine con successo qualche inseguimento solo grazie al trucco spiegato da coach, ossia quello di correre sul bordo del marciapiede. Gli aspetti più snervanti però sono le lunghe attese durante le sequenze animate e la lentezza con cui compaiono i messaggi di stato sulla mappa (per non parlare del typo "replidriod" per "replidroid"). Bisogna poi accontentarsi di quanto si riesce a fare, perché pare che non vi sia una condizione di vittoria: una volta ritirati i primi quattro replidroid, ne compaiono altri sulla mappa (a meno di glitch o bug). Non compaiono invece altri scienziati (i punti blu, da proteggere), perciò presto o tardi questi saranno tutti eliminati dai replidroid, con la conseguente fine della partita, che peraltro avviene bruscamente, senza spiegazioni. Da provare, ma solo per gli appassionati.
Profilo di eregil sul Forum - postato da eregil (57) - 10-11-2019 [13:39]
5
30 anni e non sentirli, parlo del film ovviamente, il gioco (attenzione, ispirato dalla musica di Vangelis, non dal lungometraggio) mi aveva attirato solo per il nome che porta... una volta abbattuti i 4 REPLIDROIDI - erano chiamati così nel gioco - boh? il nulla, nemmeno un congratulations... ah, vi siete mai accorti che stando sul bordo del marciapiede (precisi al pixel) si riusciva ad evitare sia la folla che le auto in corsa? Molto meglio l'avventura uscita 12 anni dopo su PC che prende spunto sia dal romanzo originale di Dick che dal film, costruendo una storia tutta nuova ma omaggiando il film di Ridley Scott!
Profilo di coach sul Forum - postato da coach (80) - 04-10-2012 [10:10]
10
Miglior film di fantascienza della storia del cinema, purtroppo hanno fatto solo due videogame,uno sul commodore e l'altro che è una avventura tipo monkey island solo per pc. Devo dire che il gioco all'inizio di poco inpatto, facendo pratica si inizia a capire cosa si deve fare, dal labirinto che è una mappa bisogna cercare la zona dove viene indicato l'androide da "mettere in pensione" arrivando con la futuristica macchina volente dovete inseguirlo stando attenti alle persone che frenano il cammino e quando è a tiro sparargli alle spalle, insomma la stessa scena che accade nel film quando uccide Zhora la domatrice di serpenti. Molto divertente e la musica molto bella, alla lunga può stancare, ma con i limiti hardware del biscottone più di questo non si poteva fare a meno di avere un gioco multiloading tipo "In 80 Days Around The World" molto vario, ma occupava più tempo nei caricamenti che alla lunga stancavano e facevano desistere la scelta di giocarci per problemi di tempo.
Profilo di Fede sul Forum - postato da Fede (44) - 04-08-2012 [05:55]
7
In Blade Runner c'era parecchia atmosfera,non influiva più di tanto l'eccessiva sistematicità dell'azione perchè alla base c'era il forte desiderio di assassinare tutti quei maledetti replicanti.Il problema per me è sempre stato il non capire come completare definitivamente questo gioco in quanto una volta uccisi i quattro androidi non capivo più come proseguire nell'avventura o cosa bisognasse fare per andare avanti.
Profilo di ALEXCALTAS sul Forum - postato da ALEXCALTAS (136) - 06-04-2011 [08:04]
6
Ricordo con molto affetto questo gioco, anche se devo ammettere che fu la mia passione per l'omonimo film (da cui era tratto) a spingermi a giocare. Si tratta semplicemente di intercettare i replicanti (uno per volta) ed inseguirli lungo una strada gremita di gente, cercando di colpirli senza far strage di passanti. L'azione è parecchio ripetitiva e un po' frustrante (non so se vi siete mai trovati nella condizione di dover correre in stazione e di trovarvi davanti qualcuno che vi blocca il passaggio e che non si sposterebbe neanche se al vostro posto ci fosse un missile), ma mi prendeva tanto, e una partitina la farei volentieri anche oggi (se non fosse che mi si stanno chiudendo gli occhi).
Profilo di rainstorm sul Forum - postato da rainstorm (217) - 25-06-2010 [15:04]
Commodore 64
Pannello Utente
18 Visitatori, 0 Utenti

Ciao, ospite!
(Login | Registrati)
Ready64 Store
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Star Ranger
"Bellissimo shoot'em up dei primi anni commodore. Nonostante la grafica spartana è ben strutturato con ottimi spunti e con un grado di difficoltà crescente ma non punitivo. Ogni "ondata" è composta da nemici specifici che vanno affrontati ognuno ..."
leggi »
- Phobos
Ult. Commento Art.
Le Collane Avventurose in Italia - Parte II: La Catalogazione
"Ciao a tutti, gli inserti della guida per giocare e scrivere avventure, apparsi sui primi sei numeri di Explorer, erano stati riuniti in un pdf nel 2004 sul sito del Progetto Lazzaro, da tempo offline. Mancava il quarto, che fu poi recuperato ..."
- Scritto da Gyrev
RetroCampus