Menu Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
Dick Tracy
Editore Titus Software Musica Markus Schneider
Copyright - Titlescreen -
Serie - Genere Platform, Tie-in
Anno 1990 Recensione -
Sviluppatore - Download -
Codice Don French Extras -
Grafica - Link Esterni lemon64 gamebase64
Loggati o Registrati
per votare.
Il tuo voto:
N/A
Voto Totale:
2.33 (3 voti )
Commenti
Commenta gioco C'è 1 commento per questo gioco! Registrati se vuoi lasciarne uno.
N/D
Uscito sulla scia della (carina) pellicola con Warren Beatty e Madonna,questo tie-in è il classico esempio di prodotto casereccio buttato sul mercato tanto per sfruttare la momentanea,rinnovata fama del titolo.Senza alcun dubbio uno dei più brutti giochi abbia mai visto girare sul C64.Nel 1990 s'era imposto uno standard qualitativo tecnicamente degno,ma questo gioco riporta il Commy indietro di almeno 4 anni!! L'unica cosa degna di nota era la schermata introduttiva,e ho detto tutto.L'aspetto più ridicolo era che ogni volta che Dick tirava un pugno (anche a vuoto!!),si perdeva un blocco di energia.Bastavano 10 pugni all'aria per schiattare!!A volte una partita poteva durarmi 30 secondi netti (escluso il caricamento,che da cassetta era millenario e non rappresentava certo l'incentivo a riprovarci...).In confronto,la mediocre versione Master System era un capolavoro (almeno lì potevi sparare a oltranza,e senza perdere un capello!).Tecnicamente,persino una ciofecata alla Inspector Gadget supera di gran lunga questo Dick Tracy. Bleah!!!
Profilo di Ricchesuccio sul Forum - postato da Ricchesuccio (15) - 13-11-2009 [04:47]
Commodore 64
Pannello Utente
22 Visitatori, 0 Utenti

Ciao, ospite!
(Login | Registrati)
Ready64 Store
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Frightmare
"Lo scopo del gioco consiste nel cercare di risvegliarsi da un incubo rappresentato da un labirinto di stanze colmo di mostri di ogni specie. Iniziando l'avventura a mezzanotte, bisogna sopravvivere fino alle 8,15, ora del risveglio e ..."
leggi »
- Xandra
Ult. Commento Art.
RetroCampus