VideoGiochi del Commodore 64

International Soccer CupAttualmente sono presenti 5.544 titoli nel nostro database, di cui 751 italiani, per un totale di 28.758 schermate. I giochi italiani vengono appositamente contrassegnati allo scopo di tracciare la produzione videoludica per Commodore 64 realizzata nel nostro paese.

I giochi italiani sono contrassegnati dall'icona:

La pagina di ogni gioco offre la possibilità di leggere e rilasciare commenti e voti. Quando disponibili sono anche presenti: Mappe, Soluzioni e Manuali (versione e-text e/o scansioni).
Per i videogiochi italiani è disponibile anche il download dell'immagine del disco/cassetta.

Menù Alfabetico
#
A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z
COMMENTI PER PAGINA:

Dal 25 Novembre 2003 ad oggi, 702 utenti hanno commentato 1713 giochi per un totale di 5693 commenti.
Roberto , 19/11/2018 ore 18:50
Per chi l'ha visto e per chi non c'era: LINK
Roberto , 17/11/2018 ore 10:08
Procediamo con l'aggiunta al nostro Database dei titoli di recente pubblicazione. Oggi tocca a Knight Lore, che approda sul C64 dopo oltre trent'anni in versione completamente convertita da Z80. Il gioco è gratuito ed è disponibile su CSDb. LINK
Phobos , 16/11/2018 ore 18:12
Il gioco di golf definitivo per C64! Aggiunge al capostipite Leaderboard una più amplia visuale che, grazie agli alberi, elimina la sensazione di piattezza del precedente. Il gameplay poi è magnifico: dalle varietà delle mazze all'arte di gestione del "colpo" si creano tante sfumature diverse per ogni buca di gioco che la partita, anche se ripetuta cento volte, è sempre diversa. Ha fatto davvero una buona pubblicità a questo sport così poco conosciuto in Italia.
robybar , 16/11/2018 ore 16:33
CoT è una semplice avventura testuale arricchita da ottime immagini (leggermente animate) e da un ispirato accompagnamento musicale. Questo bastò per generare curiosità in tutti quelli che avevano un Commodore 64 e volevano provare qualcosa di figo.Anche io avevo già visto molte avventure testuali con grafica, ma probabilmente questa fu la prima che mi capitò in mano che avesse anche della musica di sottofondo...e che musica!Anche se si trattava alla fine di una manciata di temi, per lo più corti e inevitabilmente ripetitivi, erano perfetti per l'atmosfera che volevano ricreare.CoT aveva tanti difettima non mancava certo di atmosfera: la musica, la grafica, le descrizioni... tutto concorreva a creare un'atmosfera cupa, umida e inquietante come poche se ne erano viste fino ad allora.La parte giocata è senza infamia e senza lode. Stranamente le illustrazioni sono fondamentali in quanto molti oggetti non sono indicati nelle descrizioni ma solo nelle immagini, per cui è essenziale osservare le figure per progredire nel gioco. Il parser ha un vocabolario piuttosto risicato (ma è possibile farsi elencare i verbi in qualunque momento) e non richiede frasi complesse, anzi spesso gli oggetto vengono usati automaticamente quando si compiono azioni generiche.Ricordo che rimasi comunque ore fermo in certe location a pensare e provare soluzioni, accompagnato dalla musica, riuscendo però lentamente a progredire.Per concludere adoro questa avventura. Adoro la sua pulizia visiva, le sue immagini e la sua musica.Ho passato tantissime ore cercando di risolverla.Rigiocarci ora per me è un po' come fare un tuffo nel passato, mi sento come se tornassi in luoghi che ho visitato tanti anni fa e che non avevo mai dimenticato.Questo è certamente un punto di vista molto soggettivo, ma se il gioco mi ha lasciato così tanto può anche voler dire che si tratta di un ottimo prodotto. elderbarabba.blogspot.com
robybar , 16/11/2018 ore 16:16
Scusate un'aggiunta: ho fatto personalmente un remix della musica di Suicide Express (basandomi sul gioco, all'epoca non sapevo che esistesse un brano originale), che si può trovare qui: LINK
Commodore 64
Pannello Utente
16 Visitatori, 2 Utenti
Randagio1972, Leo972
Ciao, ospite!
(Login | Registrati)
Ready64 Store
Ultimo Commento
Clicca per leggere tutti i commenti
Rocky Memphis: The Legend of Atlantis
"Per chi l'ha visto e per chi non c'era: LINK"
leggi »
- Roberto
Ult. Commento Art.
RetroCampus